I 60 ANNI DI SHARON STONE

Ne siamo sicuri, l’età anagrafica non è sempre quella che ci sentiamo e Sharon Stone, fa parte di questa categoria, perchè credo proprio che ben pochi, possano credere che compie sessant’anni. L’icona sexy degli anni novanta, le sue rughe però, le vuole tutte, non che non si sia mai fatta niente, ma di certo non ha trasformato, ne il suo viso, ne il suo corpo. La sua carriera invece, traballa un pochino e l’ultimo film, degno di nota è Bobby del 2003, per la regia di Emilio Estevez. Amante dei toy boy, madre di tre figli addottivi, in questi giorni nell’affare Weinstein, non ha detto molto, ma con una risata maliziosa, durante un intervista, si è già capito tutto, tutti sapevano e adesso tutti fanno i santi. Con il suo “Ne ho viste di tutti i colori ad Hollywood” ha chiuso definitavamente l’intervista, anche perchè lei come ha sempre dichiarato è stata “gentile” con molti produttori e non solo. Con i suoi centotrentacinque film, di cui Basic Instinct, restato suo malgrado, il film che non solo l’ha lanciata, ma che l’ha per sempre legata, alle donne fatali e seduttive, ettichetta difficile poi, negli anni, da eliminare. Ma lei ha un arma in più degli altri, cioè il cervello ed è sempre sopravvissuta a tutte le critiche e pure ad una emorragia celebrale, che incredibilmente non l’ha danneggiata. Sharon Yvonne Stone nata il dieci marzo del 1958 in Pennsylvania, con la piccola città che le stava stretta, dopo il diploma, seguì la strada della moda, anche se per mantenersi lavorava da Mc’Donald,portandola a viaggiare nel mondo ed ai primi ingaggi nel cinema. Tutti la vogliono nei ruoli di famme fatale, ma solo un certo Martin Scorsese è riuscito a trasformarla in una vera attrice, tanto che per il film Casinò, vinse pure il Golden Globe e i complimenti del regista, perchè non era sicuro che il personggio fosse per lei. Negli anni ha imparato pure l’italiano e si è aperta una casa di produzione, la Chaos Company ed è stata una che nella ricerca contro l’Aids, ci ha sempre messo la faccia. E poi ha pure un occhio di falco, perchè ha voluto accanto a se nel western, Pronti a morire, il giovane allora sconosciuto Leonardo DiCaprio, che lei ha sempre detto aver un talento da far invidia a molti. Insomma un’icona del cinema e forse l’ultima vera diva, che per questo complennao si è fatta immortalare dal New York Times, con un reggiseno di pelle nera, perchè sa benissimo, che può competere con tutte le giovani del paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *