NOZZE D’ORO TRA IL CINEMA E STEFANIA SANDRELLI

Festeggerà i cinquant’anni di vita artistica, con un bel David di Donatello alla carriera, Stefania Sandrelli, che le verrà consegnato durante la serata di gala del 21 marzo prossimo. Ma il suo amore per il David è già sbocciato ben undici volte, con tre statuette portate a casa e che oggi invece, possiamo vederla, al cinema, con A casa tutti bene di Muccino. Ma di grandi registi ne ha visti molti e ha visto anche grandi attori, corteggiata pure per anni da DeNiro, ha già vinto nel 2005 il Leone d’oro alla carriera. Una carriera cominciata da giovanissima, che ha dato vita a straordinari personaggi, che tra gli anni sessanta, settanta, ottanta e novanta, hanno visto il cambiamento delle donne e dei loro diritti, basti pensare che il suo film, dell’età giovanile più famoso è Divorzio all’italiana, dove all’epoca uccidere la moglie traditrice era onore per gli uomini, per arrivare ad oggi, come nonna e madre del trio Accorsi-Favino-Impacciatore. Nella sua vita ne ha viste di tutti i colori e ha vissuto grandi amorie e da vera donna emancipata degli anni sessanta, era pure ragazza madre. Ma sono gli anni settanta, anche grazie al femminismo, che il percorso artistico, diventa più loquace e spreciudicato, portandola ormai adulta, a lavorare con Tinto Brass, che la fa diventare un’icona di bellezza naturale, icona sexy dell’epoca. Una grande lavoratrice, che oltre al cinema, ha fatto teatro e televisione e che negli anni, non ha perso il fascino e l’entusiasmo degli albori della carriera. Molto amata anche all’estero, soprattutto Francia e America, anche grazie alla sua spontaneità e perchè dice sempre la verità, anche quando potrebbe essere troppo controversa per molti. Da donna moderna, non ha mai nascosto i suoi amori, anche se sposati, mai avuto una molestia sul lavoro, soprattutto perchè sempre consenziente a tutto quello che le poteva capitare e soprattutto non si è mai vergognata del suo corpo, mostrato artisticamente molte volte, ma sempre con intelligenza e mai con volgarità. Una donna di settant’uno anni, che oggi lavora sempre e che non pensa di certo alla pensione, anche se non disdegna di fare la nonna ai nipoti e non disdegna mai, nelle interviste, di raccontare perle del cinema passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *