LE DONNE SECONDO FERZAN OZPETEK

Napoli velata è il suo ultimo film, in uscita in questi giorni al cinema e racconta una storia d’amore, passione e mistero, che vede nei panni della protagonista, Giovanna Mezzogiorno. Un personaggio molto passionale, con una scena di sesso, che resterà nella storia del cinema italiano, una donna, medico legale, un passato da scoprire, una carnalità e qualche turba di troppo. Un personaggio femminile, ma non solo uno, perchè il film è ricco di altre donne come Anna Bonaiuto, Lina Sastri, Isabella Ferrari, Luisa Ranieri, una storia non in rosa, ma in rosso, con l’idea nata in una cena a casa della sua attrice feticcia Serra Yilmaz, che con lui condivide origini, musiche, suoni tipitici di quella Turchia, che ha nel cuore e che sempre ritorna come un leitmotiv. Le donne però come in tutti i suoi film, sono il fulcro di storie di amicizia e famiglia, mai banali, sempre ben scritte e sempre trovando delle ottime attrici a cui affidarne le redini, che poi pure si portano a casa premi ovunque. Un uomo che scrive di donne e a suo modo le ama pure, in dodici film, ha portato sullo schermo la middle class, sdoganata in tutti i modi, dando alla storia del cinema, personaggi come Antonia e la scoperta della doppia vita del marito, Giovanna e l’amore di quell’uomo che le viveva di fronte, Irene la donna che si è spogliata fisicamente e mentalmente della prigione della sua vita, Elena malata di cancro e tante altre, ma tante tante altre che dovranno ancora arrivare e di sicuro faranno breccia, nelle spettatrici e non solo.  Un grande talento nello scrivere e nel portare sul grande schermo, personaggi femminili, sempre diversi tra loro, provabilmente pure, uno dei registi che oggi, oltre a dare spazio totale alle donne, le rende le  pioniere di un cinema raffinato, ben costruito e che da la possibilità, alle nostre attrici, di risplendere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *