MARGHERITA BUY LA STREEP ITALIANA

A volte il cinema italiano si piange troppo addosso e di conseguenza, elogia sempre film e attori stranieri, sarà pure vero che sono bravi anche certi cani di Hollywood, ma abbiamo dei veri assi anche qui, che poi tra l’altro, ci invidiano sempre. Margherita Buy è una di questa, donna di altri tempi, lontana da mondanità e gossip, potrebbe essere anche paragonata a certe attrici che hanno fatto la storia del nostro cinema e teatro, come Anna Magnani o Eleonora Duse e potrebbe benissimo, anche grazie ai suoi sette David di Donatello, essere la Meryl Streep italiana. Una carriera unica nel suo genere, che annovera nelle sue sfere, sette nastri d’argento e tredici Ciak d’oro e nominations varie, ed essendo cinquant’enne, credo ne avrà ancora diverse. Ma siamo in Italia, dove purtroppo chi ha talento viene quasi visto male, però è giusto dare merito a questa attrice, che deve assolutamente diventare ispirazione per giovani attrici, che come lei, hanno voglia di lavorare sul talento e non sulle scorciatoie. Attrice di cinema, teatro, fiction, ha lavorato con i migliori registi italiani, con una lista di più di cinquanta film all’attivo, insomma una vera donna di cinema, che ha portato personaggi indimenticabili, passando dai film drammatici a quelli commerciali, meglio di Robert De Niro. Troppo brava forse, per la bassa qualità delle storie al femminile, che il cinema odierno propone e troppo brava per non avere invidiosi accanto a lei, che quando ne parlano, portano sempre in primo piano, insicurezze, fragilità, ansia e panico, ma ben pochi, ne elogiano lo spessore culturale o la grande difficoltà di essere una lavoratrice ed una madre single. Insomma quando, oggi come oggi, abbiamo questi personaggi è meglio tenerceli stretti stretti ed elogiarli a grandi livelli, lasciando stare tutta la miseria e il trash culturale che ogni giorno ci viene proposto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *