LA VITA DI JUDY GARLAND DIVENTA UN FILM

Ed ecco un biopic in arrivo, dicesi biopic genere cinematografico basato sulla vita di personaggi realmente esistenti, ma che vengono romanzanti anche a discapito della verità dei fatti, tutto per essere più fruibili agli spettatori. Proprio perché negli tempi, questo genere ha regalato grandi incassi, nei prossimi anni se ne sforneranno ancora di più e proprio questo film Judy, con Renèe Zellweger, riporterà alla luce, la vita di Judy Garland. Il film ripercorre l’ultimo anno dell’attrice, che dopo il suo licenziamento alla MGM, torna alla musica, il suo vero e grande amore ma il suo tormentato passato e l’abuso di farmaci, la porteranno fino alla morte. Per Renèe sarà il suo ritorno in grande, perché negli ultimi anni è stata relegata a veramente brutte pellicole, anche causa la sua totale trasformazione fisica con i tanti interventi chirurgici a cui si è sottoposta. Se il suo grande personaggio fu Bridget Jones, colei che era lontana dagli stereotipi della bellezza canonica, nella sua vera vita, non è riuscita a salvarsi da critiche maligne e ha lasciato che le regole della bellezza di Hollywood la sopraffasse. Di sicuro leggendo il copione del film e della vita di Judy a trattai simile al suo, l’hanno convinta a fare di tutto per averne la parte e subire diverse ore di trucco al giorno, compreso trucco e parrucco, che l’hanno trasformata nella Garland. Questo film è la trasposizione di End of the rainbow, uno spettacolo teatrale che a Broadway ha avuto molto successo e che ha visto la stessa produzione, chiamata dal cinema, per rifarlo. Judy Garland è stata la più lucente star del firmamento, ma in contemporanea anche la più sfortunata. Una vita molto triste, anche se la sua carriera è decollata fin da piccola e ha realizzato film come E’ nata una stella e Il mago di Oz. Una vita tra tragici amori, alcool e farmaci, una vita al limite che le ha rovinato anche la voce e che l’ha portata alla morte a soli quarantasette anni e che ha lasciato la figlia Liza Minnelli orfana, che a sua volta ha avuto tragici amori, una vita tra musica e cinema e tra alcool e droghe e che non ha dato nessun permesso per questa trasposizione cinematografica della vita della madre, dove tra l’altro la si potrà vedere da piccola, ma che boicotterà in tutte le maniere alla sua uscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *