ARRIVA CAPTAIN MARVEL

Dopo il grande successo di Wonder Woman e dunque lo sdoganamento degli eroi al femminile, la Marvel, la grande madre dei super film è dovuto ricorrere ai ripari e perciò ecco l’arrivo di Captain Marvel. Subito dopo l’Oscar di due anni fa, la produzione si è presa Brie Larson, giovane attrice fino ad oggi, dedita ai film a basso budget che diventa così, la prima donna della sccuderia Marvel, portando via lo scettro a Scarlett Johansson, che era solo relegata alla spalla degli Avangers, grazie alla sua Black Widow. E vuoi che non si sia offesa? Certo che sì, tanto che si parla moltissimo di un “solo” movie, dedicato alla Widow, ma che poi, dati i licenziamenti di Capitan America e Iron Man, dovrà vedersela, con le decisioni, dei piani alti. Intanto torniamo alla nostra Captain Marvel, che sarà diretto e scritto da Anna Boden, regista di alcune serie televisive, ma che qui, deve dare spazio anche al suo aiuto, Ryan Fleck, forse perchè non ci si fidava di darle in mano, una macchina tanto costosa e tanto difficile. Il film numero ventuno, di quest’era eroiniana, vede la storia di Carol Danvers, che nel 1995, da pilota dell’ USA Air Force, diventa super eroina, dopo che il suo DNA viene fuso con quello di Kree, durante un incidente e da qui partirà per salvare la terra da acuni alieni leggermente ostili, ma che scopirà anche la sua vera natura. Il Kree comunque è un alieno, che fa la sua comparsa nei Fantastici 4 ed è una delle razze aliene più conosciute nel pianeta Marvel, che poi hanno pure tutta una loro lunga storia, con battaglie galattiche e con il più illustre Ronan, già conosciuto al pubblico anche grazie Guardiani della galassia, per capirci, l’umanoide blu interpretato da Lee Pace. Torniamo comunque al nostro Captain, con un budget di centocinquantadue milioni di dollari, avrà comunque il cameo di Stan Lee, morto alcuni mesi dopo le riprese ultimate ed ha visto un grandissimo impegno della Larson, che per nove mesi, ha fatto un allenamento durissimo, con boxe, wrestling e judo ed è andata veramente nella base dell’ air force, per capire come lavorano. Ci fu anche un grande consulto, proprio per l’air force, per capire se la Larson e la sua giovane età, potevano essere credibili nei panni del capitano da combattimento. Il film uscirà in tutto il mondo, per la festa della donna e per la festa degli incassi e per vedere, come riuscirà a sopravvivere, con l’invasione dei super eroi, pure troppi, dell’anno passato e di quelli nella lista di quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *