AVA DUVERNAY LA REGISTA DEL NUOVO BLACK POWER

Questo è veramente un grandissimo momento per tutte le donne registe, Ava DuVernay è tra queste, non solo nella categoria donne-registe, ma anche in quelle del black power e delle registe “di colore”. Tutto grazie all’esordio del 2004 con il film Selma, che l’aveva già portata ad essere la prima regista di colore con una nomination al Golden Globe, prodotto pure da lei con Oprah Winfrey e Brad Pitt. E proprio con Oprah è tornata adesso con A Wrinkle in Time, un fantasy al femminile, dove tre fratelli, devono vagare per lo spazio alla ricerca del padre scienziato. Un budget di centotre milioni di dollari, un vero record, per una donna regista, che l’ha portata alla corte di Black Panther, ma che poi ha tirato il due di picche, perchè si sentiva troppe aspettative sulle spalle. A quarantasei anni è pure, una delle più giovani nella sua categoria, che l’aveva pure vista, essere la prima vincitrice donna-regista-black a portare a casa il premio alla regia al Sundance Film Festival nel 2012. Una carriera appena cominciata, ma tra quelle da seguire di sicuro e che non smetterà di dare soddisfazioni. Entra però a far parte della famiglia DC’ Comics, con il film, New Gods, per la Warner Bros. che dopo il successo della Jenkins, per Wonder Woman, l’hanno voluta a tutti i costi, nella loro famiglia di super eroi, con riprese che cominceranno, il prossimo anno e che avrà di sicuro, altri futuri capitoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *