LA MALEDIZIONE DI SUPERMAN

La maledizione di Superman, non è il titolo di un episodio della saga dei fumetti, ma si basa su una leggenda, che in realtà racconta fatti realmente accaduti a tutti coloro, che negli anni si sono susseguiti, non solo nel celebre personaggio, ma anche in ruoli minori, nei diversi film. I primi a cadere su questa maledizione, sono ben tre Superman del grande schermo, il più famoso, Christopher Reeve, caduto da cavallo e paralizzato, poi deceduto per complicanze del suo stato fisico. Il secondo Superman, risale agli cinquanta, con la misteriosa morte di George Reeves a cui è stato anche dedicato un film, con Ben Affleck protagonista del 2006, dal titolo Hollywoodland, che però non risolve, l’apparente suicidio dell’attore, che si sarebbe sparato alla testa, come ha sempre detto la polizia del tempo, ma che le prove porterebbero in realtà ad un omicidio. Attori invece, che hanno interpretato il supereroe, sono finiti nel dimenticatoi, anzi sono stati inghiottiti proprio da quel personaggio, da Kirk Alyn negli anni quaranta, che ovviamente nessuno ricorda a Dean Cain, protagonista di una serie tv, Brandon Ruoth, Superman nel 2006 ed un Superman bambino del 1978 con Lee Quigley, morto perchè sniffava colle e solventi. Non finisce qui, anche i suoi creatori, che lavoravano per la DC Comic, furono licenziati e morirono in povertà, causa diritti non pagati sul personaggio creato da loro stessi. E poi ci sono anche gli attori che hanno lavorato ai Superman con Christopher Reeve, il primo Marlon Brando, ha avuto un sacco di problemi con i figli, con tanto di omicidio, Margot Kidder, la più famosa Lois Lane di sempre, ha avuto un disturbo bipolare con episodi di schizofrenia, perciò è stata ricoverata più di una volta in diverse cliniche con la carriera stroncata di colpo, inoltre a Richard Pryor di Superman III, venne diagnosticata la sclerosi multipla a soli quarantasei anni. Insomma una lunga scia di misteri, che hanno fatto di Superman uno dei personaggi più maledetti di sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *