LA SAGA SHARKNADO

E siamo arrivati dunque a quota cinque, della saga Sharknado, ovvero quando natura e squali, si mettono d’accordo per distruggere l’umanità, sotto-forma di tempesta di squali sparati nel cielo e non solo. Quello che ne 2013 è stato presentato alla tv, come un B-Movie, tutto azione improbabile, a sua insaputa è diventato un fenomeno ed film cult. Costato pochissimo e nato, dalla stupida idea, di associare ad un film catastrofico, come va di moda adesso, il pesce più pauroso di sempre, ovvero lo squalo, uno tra l’altro, dei film più classici della storia del cinema, con squali disposti a tutto per un pasto; messi insieme, loro malgrado, sono diventati un fenomeno mondiale, un film talmente naif e stupido, che in poco tempo è diventato uno dei film più visti di quell’anno. Il successo fu tale, da avere altri quattro capitoli e adesso anche con il numero cinque dal titolo, Sharknado: Global swarming. Anche i vari cast, sono fenomenali, ex star tv, come Ian Ziering di Beverly Hills 90210, Tara Reid, la rediviva Bo Derek e il Supercar David Hasselhoff, tutti che non la recitazione hanno litigato diversi anni prima, che poi qui, fanno pure simpatia. La trama più o meno è sempre la stessa, ma si passa da una città all’altra, Los Angelses, New York, Washington, Las Vegas, insomma tutti luoghi, tipici degli squali, che grazie ad un tornado, si vedono volare tra i cieli per poi planare affamati, tra case, supermercati, strade e distribuire terrore per tutti, non però per Ian Ziering, che ogni volta gli sconfigge suo malgrado, con la tipica scena madre, in cui con una motosega, taglia a metà lo sventurato squalo. E’ una vera boiata, ma piace a tantissimi, tutti curiosi nel vedere queste mirabolanti scene action, con tra l’altro, i più rudimentali effetti speciali e visivi, talmente finti, da far divertire anche i più piccoli. Ovviamente anche altri, hanno provato ad entrare in questo carrozzone, di b-movie e catastrofi ambientali, ma Sharknado è l’unico vero ed inimitabile, perciò aspettiamoci, alle porte anche il sesto capitolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *