CLARA BOW L’ATTRICE JAZZ

Anche Clara Bow fa parte di quelle attrici, che hanno fatto la storia del cinema, ma che nessuno conosce. Clara comincia la sua carriera molto giovane, più che altro per scappare alla sua famiglia alquanto disastrata, con un padre che abusava di lei e una madre schizofrenica, che in più di un occasione, tentò di ucciderla. Si iscrisse così, ad un concorso, come si usava fare in quegli anni, per trovare giovani ragazze di talento, da inserire nel cinema. Grazie ai suoi capelli rossi e alla bocca a forma di cuore, come andava tanto di moda in quegli anni, in poco tempo, divenne un icona sexy del cinema, con un mega contratto per la Paramount, nel 1925. La così detta età del jazz, che spopolava in America, un pò come la Belle Epoque francese, riuscirono a spalancarle le porte dorate del firmamento, diventando una delle più ricche attrici del tempo. Ma come sempre, il successo porta anche guai, arrivati grazie alla sua ex segretaria, che vendette il suo diario, ai giornali scandalistici dell’epoca, dove con grandi dettagli, Clara scriveva dei suoi incontri amorosi, che per la morale dell’epoca, erano troppo scandalosi, tra l’altro uno di questi tanti amanti, era il regista Victor Fleming, che lei chiamava “uomo vero”. La sua carriera di circa sessanta film, finì con l’avvento del cinema sonoro, non dotata di buona voce, prima ancora di provarne il passaggio, decise di ritirarsi. Negli anni del ritiro si sposò ed ebbe due figli, ma una grande instabilità mentale, la portò dentro e fuori dalle cliniche, per morire da sola, nel 1965 a causa del suo cuore malandato. Il suo ultimo commento ufficiale avvenne per la morte di Marilyn Monroe, dove disse “Essere un sex symbol è un fardello per chi alla fine è stanco e ferito nell’anima”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *