IL RITORNO DI SOFIA COPPOLA

Uscirà nella stagione estiva in America, mentre in Italia a settembre, il nuovo film di Sofia Coppola, The Beguiled, remake del film La notte brava del soldato Jonathan del 1971 con Clint Eastwood, nel ruolo che oggi è di Colin Farrell. Torna dopo quattro anni da Bling Ring, la regista di una generazione di giovani ragazze, che è riuscita a ritagliarsi una fetta di stile e di mercato non all’ombra dell’ingombrante padre, ma solo con il suo talento. The Beguiled, tratto dal romanzo, del 1966, dal medesimo titolo, riporta sullo schermo il duo, Coppola-Dunst, che insieme hanno dato vita al grande Maria Antonietta e sempre insieme hanno dato vita all’esordio come regista di Sofia, nel film, Il giardino delle vergini suicide. Anche in questa pellicola, il cast è quasi tutto al femminile e come negli altri è il gruppo compatto delle donne a cambiare il destino dei protagonisti, con la Dunst ci sono anche, Nicole Kidman e Ella Fanning. La storia è quella di un caporale, che dopo essere stato ferito, viene salvato dalle donne di un collegio, qui diventerà suo malgrado il tutto fare, ma anche l’oggetto dei desideri sessuali di tutte le donne, che però accecate dalla gelosia, gli rovineranno la vita, tanto da fargli decidere una tragica fine. Come già per altri film della regista, i costumi, le scenografie, i colori, le musiche e le atmosfere, diventando elementi fondamentali per una storia, che potrebbe sembrare un’epopea in salsa romantica, ma che finisce in una storia dark e gotica. Le donne come in tutta la filmografia della Coppola, che è anche produttrice e sceneggiatrice di questa pellicola, sono il fulcro di tutta la storia, così da riuscire ad appassionare giovani e meno giovani spettatrici, ma soprattutto, ha dei bei personaggi al femminile, non viste in secondo piano, ma vere protagoniste di tutto il film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *