E-MAIL INCRIMINATE ANCHE PER TILDA SWINTON

Le e-mail rubate fanno spesso molta notizia, come quelle della Sony, in cui si ammazzavano tra loro star e produttori e quelle ancora più famose di Hillary Clinton, che le sono costate la campagna presidenziale. Oggi invece, non parliamo di e-mail rubate, ma di Tilda Swinton, che risponde senza peli sulla lingua a chi la colpevolizza di parlare di libertà, ma poi fare l’opposto. Tutto nasce a causa del film Doctor Strange, uscito da poco e diventato una perla al box office, ovviamente il grande successo porta sempre qualche contrasto, ma questa volta, forse, hanno ragione gli altri. Allora Doctor Strange, la quale storia è stata ambientata una parte in zone Cinesi, vede Tilda Swinton, interpretare “l’Antico” che nei fumetti da cui è tratto il film, era un uomo e pure cinese; nulla da dire nel cambiamento di sesso, ma l’ aver messo un’attrice caucasica, con lineamenti orientali, ha scandalizzato in molti e le critiche sono piovute da tutti i fronti. Non è la prima volta che si fa un “Whitewashing” è successo anche per Matt Damon in The great wall, dove sia il protagonista, che altri personaggi, sono stati cambiati e fatti diventare “bianchi” ovvero occidentali. Anche la povera Tilda dunque è stata subissata di insulti, anche se poi diciamolo, lei non centra niente e qui arriva la storia delle e-mail. Margaret Cho, comica statunitense di origini asiatiche, anche se nata a San Francisco, ha inondato Tilda di e-mail, in cui si dice offesa di questo cambiamento poco rispettoso nei confronti della sua comunità, ovviamente tutte queste e-mail, la stessa Cho, le ha mostrate in giro, con il grande disappunto di Tilda. Questa che segue è la prima di tutte le e-mail:

 

Dear Margaret,

We’ve never met, but you’ve been in my head for years – I’m a fan.
I want to ask you a favour now which is sprung out of a truly important social conversation but may be heading for some crazy-making shit.
The diversity debate – ALL STRENGTH to it – has come knocking at the door of Marvel’s new movie DR STRANGE. I am told that you are aware of this. But since I am that extinct beast that does no social media, I am unaware of what exactly anybody has said about any of it. I believe there are some ironies about this particular film being a target, but I’m frankly much more interested in listening than saying anything much.

I would really love to hear your thoughts and have a – private – conversation about it. Are you up for this? Can we e-mail?

No wrong answer here. Tell me to fuck off if you feel like it. In any and every case,

Much love to you,

Tilda

Sono seguite altre e-mail sempre più intense, perchè ovviamente Tilda non sputerà mai sul piatto in cui ha mangiato e forse non si sarebbe mai aspettata questa rivolta contro di lei, che tra l’altro è anche una delle migliori attrici del momento (Doctor Strange a parte) ed ovviamente ad un certo punto Tilda ha pure perso la pazienza. Non sappiamo cosa lei pensi in realtà, perchè credo che alla fine anche lei stessa si sia chiesta, ma perchè con tutte le ottimi attrici cinesi, come Gong Li o Michelle Yeho, si sia scelta un attrice occidentale, va bene che tutto fa botteghino e forse con Gong Li, gli incassi sarebbero stati diversi, ma questo continuo parlare di libertà e di razze da rispettare da parte di Hollywood, quando in realtà poi vengano “lavati in bianco” è ridicolo. Ai posteri l’ardua sentenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *