BESSIE LOVE L’ATTRICE DEI PRIMATI

Ha molti non dirà niente, ma Bassie Love è stata una delle più producenti attrici della storia, riuscendo a partecipare a tutti i momenti più salienti della storia del cinema. Love infatti, ha cominciato con il cinema muto, per poi passare al sonoro, cosa che non sembrerebbe difficile, ma all’epoca, questa evoluzione, produsse suicidi, attori disoccupati e carriere finite sul nascere. Sì perchè il passaggio, dal muto al sonoro, tra l’altro avvento negli anni del crollo della borsa del’29, aveva fatto una vera strage di attori e attrici, che adesso dovevano recitare anche con la voce e molti di essi, voce proprio non ne avevano. Uscita indenne da questa catastrofe creativa, che l’aveva vista lavorare accanto a grandi nomi, come Douglas Fairbanks e D.W. Griffith, entrò senza problemi del cinema sonoro e poi anche al Thecnicolor e solo la grande guerra riuscì ad arrestare la sua carriera, tanto che si trasferì in Inghilterra, dove ricominciò con il cinema, anche se in piccole parti. Arrivarono anche gli anni cinquanta e la caccia alle streghe, ma ormai lontana dagli Usa, la sua carriera continuò indenne, passando senza problemi anche agli anni sessanta e il cambiamento della figura femminile nei film, avvenuta con il femminismo ed in seguito anche agli anni settanta quelli del Vietnam. e degli scontri sociali con i film impegnati civilmente. Ormai ottant’enne, continuò la sua carriera fino ai primi anni ottanta, dove recitò in Reds con Warren Beatty e Miryam si sveglia a mezzanotte di Tony Scott, ultimo film della sua carriera, anche se morì tre anni dopo per cause naturali. Un vero fenomeno che nella sua lunga carriera ha recitato in più di centocinquanta pellicole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *