HEDY LAMARR L’ATTRICE-INVENTRICE

Molti conoscono Hedy Lamarr come attrice del cinema made in Usa, attrice che recitò in diversi film tra gli anni trenta e cinquanta, prima donna a fare un nudo in una pellicola e una delle prime attrici europee ad andare ad Hollywood causa nazismo, ma ben pochi sanno che è grazie a lei che oggi abbiamo il sistema wireless. Ebbene Hedy, con la sua laurea in ingegneria, parte per l’America, per continuare la sua carriera di giovane attrice, qui il pubblico la ama moltissimo anche grazie alle sue commedie romantiche per la MGM, sei mariti all’attivo ed un cervello da far invidia a tutti. Cocciuta fin da bambina, cominciò ad ascoltare conversazioni riservate, durante gli anni della seconda guerra mondiale, alle feste che uno dei mariti dava molto spesso, dove si ritrovavano generali militari, lobbisti delle armi e anche qualcuno dei servizi segreti. Un giorno il suo incontro con George Antheil, compositore francese amante del surrealismo, appassionato di medicina e di gialli, diede vita alla conversazione che avrebbe cambiato per sempre le loro vite. Ad Hedy servivano alcune nozioni per finire la sua idea, nel riuscire a comandare a distanza i siluri dei sottomarini senza che nessun radar potesse intercettarli. Questo era il grande problema che l’America stava affrontando in guerra ed i due diedero vita al “Secret communication system” che a soli 26 anni, la portò direttamente all’ufficio brevetti. Il brevetto n. 2.292.387 depositato nel 1942, purtroppo non fu mai introdotto in guerra, perchè nessuno si fidava di una giovane attrice Austriaca, che qualcuno cominciava a sospettare anche spia, perchè troppo intelligente. La sua vita dunque era tornare al cinema, che la vide fino alla fine degli anni cinquanta sulle scene, per poi sparire negli anni settanta perchè diventata vecchia. Solo nel 1985, quando il segreto di stato, fu tolto al brevetto, le vennero riconosciuti a livello mondiale i successi ed oggi grazie a questi preludi, abbiamo la comunicazione tra cellulari e il successivo sistema wireless.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *