STORIA DI BOLLYWOOD

I film di Bollywood sono subito riconoscibili, tanta musica, tanti balli, tanti colori e soprattutto l’India. Quella infatti, dell’India, è l’industria cinematografica più prolifera di tutti, si contano infatti più di duecento pellicole all’anno, comprese anche le nuove coproduzioni internazionali, forse più facili per il pubblico da vedere, perchè vicine alla nostra tipologia di cinema. Il termine Bollywood nasce da un anacronismo tra Bombay ed Hollywood, anche se oggi, vengono usati, per risparmiare scenari europei, come l’Inghilterra dove la comunità Indiana è molto stimata e molto attiva nel paese. L’avvento del cinema, è di sicuro una delle più grandi invenzioni della storia[…]

Continua a leggere …

EVA GREEN E PENNY DREADFUL

Eva Green, che ha cominciato i suoi passi nel cinema, con Bernardo Bertolucci è attualmente una delle attrici che alla generazione 2.0 piace moltissimo. Oltre alla Bond Girl e a film, di scarso successo, Eva Green, dopo aver conosciuto il suo regista preferito Tim Burton, che l’ha riportata all’amore per le novelle gotiche e i personaggi eccentrici, ha accettato con molto entusiasmo la serie tv, Penny Dreadful, appena chiusa alla terza serie. Troppo gotica, troppo mistica e forse troppo avanti, per la tv spazzatura di oggi, Penny Dreadful, narra le avventure, nella Londra Vittoriana, di famosi personaggi come Dorian Grey,[…]

Continua a leggere …

SNOWDEN DI OLIVER STONE

Per anni Oliver Stone è stato una garanzia di storie americane anche scomode, che hanno fatto riflettere un’intera nazione e dunque, anche odiato da molte persone. Stone torna al cinema, dopo alcuni bruttissimi film, forse non per colpa sua, buttandosi in una storia di attualità su lo scomodo personaggio di Edward Snowden ex dipendete della CIA, che ha rivenduto informazioni segrete alla stampa e ha dato via al suo allontanamento dal paese. Come va di moda oggi, con la crisi delle idee, Stone ha dovuto scriverne anche la sceneggiatura, per non rischiare di essere il nuovo, The fifth estate, film sfortunato[…]

Continua a leggere …

SAM ROCKWELL LO SCONOSCIUTO

A volte la storia del cinema, ci pone davanti a strane domande, perchè un attore bravo non è famoso? Perchè il talento non conta? Perchè i bravi non vincono mai premi? La risposta a tutto questo si chiama Sam Rockwell. Dunque Sam Rockwell classe 1968, ha una filmografia di circa 94 film, tra cinema e tv, ma ben pochi lo conoscono solo perchè è il re dei film indipendenti, che nella maggior parte o non escono al cinema o nessuno li vede se non per caso in qualche tv, pellicole di sicuro più apprezzate da festival come il Sundance o[…]

Continua a leggere …

L’INFERNO DI HANKS-HOWARD-BROWN E PURE DANTE

Tra qualche settimana alla parola Inferno, non penseremo solo al sommo poeta Dante, ma al terzo capitolo della saga di Robert Langdon, nato dalla penna, anzi dal computer di Dan Brown. Torna alla regia Ron Howard, che come nei due capitoli precedenti, trasporta in film, anche se a volte, con qualche taglio e divagazione, uno tra i libri più letti di sempre. Torna anche Tom Hanks, nel ruolo del protagonista, una sorta di Indiana Jones moderno, correlato di spy story e di fughe in giro per le bellezze culturali del mondo. Qui, Dan Brown & company, ci portano a Firenze,[…]

Continua a leggere …

MARGHERITA BUY LA STREEP ITALIANA

A volte il cinema italiano si piange troppo addosso e di conseguenza, elogia sempre film e attori stranieri, sarà pure vero che sono bravi anche certi cani di Hollywood, ma abbiamo dei veri assi anche qui, che poi tra l’altro, ci invidiano sempre. Margherita Buy è una di questa, donna di altri tempi, lontana da mondanità e gossip, potrebbe essere anche paragonata a certe attrici che hanno fatto la storia del nostro cinema e teatro, come Anna Magnani o Eleonora Duse e potrebbe benissimo, anche grazie ai suoi sette David di Donatello, essere la Meryl Streep italiana. Una carriera unica[…]

Continua a leggere …

LOTTE LA REGISTA DELLE SILHOUETTE

Lotte Reiniger, non è proprio la tipica regista, più che altro è un artista visiva, che ha creato delle forme ritagliate su carta, per cortometraggi e lungometraggi. Lotte nasce in Germania nel 1899 e fin da bambina era dotata di una straordinaria fantasia, dilettandosi nel fare dei disegni di carta e a ritagliarli, una cosa che all’apparenza, potrebbe sembrare anche stupida. Queste forme però, che si chiamano Silhouette e in realtà hanno una vera storia alle spalle, perchè create, alla corte Francese di Luigi XV, che dovendo risparmiare, per i troppi eccessi economici, chiese al suo pittore di corte di[…]

Continua a leggere …

THELMA SCHOONMAKER L’ANIMA DEL MONTAGGIO

Raramente si parla di donne nel montaggio cinematografico, come se fosse un lavoro solo da uomini, ma in realtà, sì e proprio così, purtroppo ci sono dei lavori, che il cinema pensa solo al maschile, ma mai al femminile, perciò le possibilità sono ben poche. Thelma Schoonmaker, è una di loro, è una film editor, che ha collaborato in tutti i film di Martin Scorsese film dal suo esordio alla regia con Toro scatenato. Algerina, ma laureata alla Columbia University, fu mandata dal New York Times, dove lavorava presso la sezione dedicata al cinema, ad un corso di montaggio, dove[…]

Continua a leggere …

I 40 ANNI DI CHARLIE’S ANGELES

Oggi si festeggia il quarantesimo anniversario, della prima messa in onda, del telefilm cult Charlie’s angeles, andato in onda per cinque stagioni e per 118 episodi. La serie prodotta dal defunto Aaron Spelling, uno dei più proliferi produttori televisivi della storia, ha preso il via nel 1976, per la rete americana ABC, per poi passare da noi, nelle reti, oggi Mediaset. La storia narra, le vicende di tre donne detective a servizio di un misterioso Charlie, aiutate da Bosley, aiutante a sua volta di Charlie. Tre le protagoniste scelte, Kate Jackson, Farrah Fawcett e Jaclyn Smith, quest’ultima unica a recitare[…]

Continua a leggere …

MICHEL GONDRY IL SURREALISTA

Michel Gondry, regista, produttore, sceneggiatore ed attore francese classe ’63, è la risposta francese a Wes Anderson. Dunque, il suo cinema surrealistico, fatto di immagini, di modellini e di personaggi dallo stile visuale innovativo, lo hanno portato alla ribalta del cinema. Tra i suoi titoli opere come, Se mi lasci ti cancello, L’arte del sogno e Mood Indingo, ne hanno decretato il successo internazionale, sempre restando legato però, a quel suo appiglio di fantastico e fuori dal comune e a quella determinazione nell’essere un outsider. Il suo primo vero successo, che lo ha lasciato nel firmamento, fu il video musical[…]

Continua a leggere …